venerdì 23 luglio 2010

Gli Spiritual a Madrid!

Si parte dalla stazione di Valencia e, dopo un viaggio che ci è sembrato infinito (anche perché parliamo di ben 4 ore!), arriviamo finalmente a Madrid!
Dopo aver preso possesso delle camere ed aver avuto subito un incontro ravvicinato con il Sanitrit (esperienza che pochi dimenticheranno!), abbiamo cominciato la visita con il nostro CAPOGITAS che, con il suo solito passo da alpinista, ha iniziato a guidarci in giro per la città. Il benvenuto nella capitale spagnola non è stato certo dei migliori visto che il nostro povero Dario è stato derubato.....e così, mentre lui ed Alberto svolgono tutte le denunce e le formalità del caso, il resto del gruppo prosegue la visita di questa caldissima città con sempre a guida della spedizione il Capogitas soprannominato affettuosamente Messner!
Madrid è una città molto turistica; lo si nota dall'enorme quantità di gente che passeggia per le vie e lo si deduce dalle prostitute che già di prima mattina si riversano su tutte le strade della capitale. Gli Spiritual sono alloggiati in un quartiere di prostituzione transessuale e, per dovere di cronaca, dobbiamo segnalare che uno di questi ha pure abbordato il nostro Maestro!!!
Tra le varie attrattive che abbiamo visitato non poteva mancare l'Arena dove, da aprile ad ottobre, ogni domenica si svolgono le corride. L'Arena di Madrid è la terza al mondo per grandezza e, nonostante lo spettacolo che si svolge all'interno non sia dei migliori, dobbiamo ammettere che la costruzione è veramente molto bella.
Le cose da vedere sono molte ma il caldo soffocante non permette di girare come ogni anno...ciò nonostante alcuni di noi, tifosi di calcio, non possono non visitare il mitico stadio “Santiago Barnabeu”. E' di una bellezza spettacolare e da brivido e tutti noi abbiamo immaginato che effetto deve fare sentire il proprio nome urlato là dentro dai tifosi!!!! Da pelle d'oca!
Da persone acculturate non potevano poi mancare il museo del Prado (dove Gabriele ha avuto la geniale idea di rotolarsi giù per una collinetta con successivo ed indelebile ricordo sulla maglietta) e le altre attrazioni della città come ad esempio la Cattedrale od il museo Reina Sofia. La nostra ultima cena in terra spagnola si conclude con la new entry (sempre lui, sempre Gabriele el caballero.....) che dona un lecca lecca a forma di cuore con scritto “Orgullo Gay” al nostro maestro che lo accetta con molto onore e simpatia tra le grasse risate del resto del coro!
Questa gita è stata, come in passato tutte le altre, un'occasione unica per stare assieme, per fare gruppo e per vivere un'avventura magnifica in compagnia di amici e far dire a tutti quanti “chissà dove andremo il prossimo anno perché non vedo l’ora di partire di nuovo”
Un grande grazie va a chi, come ogni anno, sta dietro all’organizzazione di tutto quello che facciamo quando siamo via, a chi scrive le brochure informative, a chi prenota tutti i biglietti on line con le compagnie aeree (perdendo anni di vita in nervoso) e a chi fa si che nessun corista venga dimenticato in terra straniera!!!

3 commenti:

alessia ha detto...

Ringrazio veramente di cuore gli organizzatori e un grazie particolare va ad Arianna perchè io so quanto tempo dedica a questa cosa e lo fa sempre nel migliore dei modi. Un grazie a tutti i partecipanti di questa gita....in particolare alle mie compagne di sezione con cui se possibile ho stretto ancora di più un legame di amicizia vera.....e alla new entry Gabriele che si è perfettamente integrato nel coro! Grazie anche al nostro staff che ci segue sempre e un grazie ai nostri amici valenciani che ci hanno accolti in maniera egregia.
Ehm, dove andiamo il prossimo anno?

arianna ha detto...

...Ma se quelle 4 ore sono volate con quel bellissimo film sul cuoco...ahahahah! Anche il Sanitirit, devo ammetterlo,ha dato una giusta nota di colore al viaggio...insieme a Fior di Loto, ai ladruncoli locali ed alle signorine buonasera...! Però avrei pagato per vedere il viados trascinarsi via Maurizio!!!Mi accontenterò della scena del lecca-lecca ;-)
Comunque è stata proprio una bella gita...come tutte del resto! E grazie per i ringraziamenti :-)))

fabiana ha detto...

E' vero tutto quello che hai detto Ale e anche se sono solo due anni che vengo in gita con voi devo dire che ogni anno lo trovo sempre stupendo!
Ogni anno ci sono tante cose che rimangono nella mente come il sanitrit che prima di far scendere tutto dovevi tirare lo sciacquone 6 volte con la paura di dover chiamare Fior di loto e spiegargli che non andava giù....
Devo dire che anche le 3 ore minimo di attesa che avremmo dovuto aspettare fuori dall'Hard -rock cafè alle 22 non sono male!
Oppure i falò sulla spiaggia, i "tenete in alto i fuochi d'artificio che non fanno niente perchè vanno verso l'alto" e poi trovarsi una ciocchetta di capelli in mano non è stato affatto male.....
Insomma si diceva... quando si riparte?????????